Pallido, magro, cicatrici sui polsi, Ugo è perennemente depresso in quanto orfano di madre e oppresso da un padre che non riesce ad elaborare il proprio lutto. Il suo unico amico è Mr. Crowley, un serpente albino che porta quasi sempre con sé, spesso in lato nella maglietta per tenerlo bene al caldo. Trasferitosi da poco nel quartiere di East End, Ugo fatica ad inserirsi e a farsi degli amici, in parte a causa del suo temperamento schivo ma soprattutto perché dopo la morte della madre il piccolo ha preso la decisione di non affezionarsi più ai vivi. È per questo motivo che farà di tutto per entrare in contatto con Domitilla, la misteriosa bambina fantasma dal passato tragico, che si aggira nelle cantine dell’edificio. L’incontro tra queste due piccole anime tormentate sarà l’inizio di un’amicizia tenera e profonda.
“Mai affezionarsi ai vivi.”Ugo Fosco, EAST END il film
Simpatia
51%
Q.I.
130
Generosità
91%
Ottimismo
2%
Timidezza
87%
Permeabilità emotiva di fronte agli orrori di questo mondo crudele
89%

Condividi

Leave a Comment